Liebster Blog

Ho vinto un premio! E io non vinco mai niente 🙂 Fico!

Le regole sono semplici:

– segnalare sul proprio sito 5 blog che abbiano meno di 200 lettori ed evidenziare il link;

– lasciare un commento su questi blog per avvisarli del premio ricevuto;

– ringraziare chi vi ha assegnato il premio;

– condividere con i lettori 5 cose di sè che le persone non conoscono.

Ok, cominciamo.

Ovviamente ringrazio Wolkerina, che mi ha pensato per il premio. Dice che leggere il mio blog le dà equilibrio. Lo scopo della mia vita, averne e darne. Quindi non è tanto il premio, quanto il perchè.

Non è che premio 5 blog che seguo, segnalo 5 amici, che è più o meno lo stesso, perchè le parole sono importanti. Alle persone piace pensare che non lo siano, in modo da non dover sceglierle, dosarle e non sentirsi in colpa quando se le vorrebbe rimangiare. Piace dire che non contano perchè non piace lo sforzo di doverle pensare prima, si declina ogni responsabilità. Le parole contano.

Fatta questa indispensabile premessa, noto con piacere che la maggior parte delle mie conoscenze sono vecchissime, tipo:

Zio Giap – Giapatoi Mi ricordo ancora che il suo primo commento piovve un giorno in cui ovviamente polemizzavo con la politica. Erano i tempi della Carfagna e del provvedimento contro la prostituzione (per altro molto simile a un’ordinanza del sindaco di Pisa di questi mesi, per la quale ho partecipato alla protesta). Era settembre del 2008.

Ci sono stati periodi in cui sono stata molto sola, giovane e senza punti di riferimento. Non dico che Giap ne fosse uno, perchè sarebbe mieloso e non vero. Però la costanza sua e di un altro paio di persone un po’ più grandi di me nel commentare i miei svalvolamenti (di cui ogni tanto con il senno di poi mi vergogno) è stata davvero consolatoria, in certi momenti. Questo per dire che le parole contano, anche quando sono fatte di pixel. Grazie di tutto, zio Giap.

Ckf – Il Vuoto, se leggete ora il suo blog ci saranno giusto due o tre post, ma in realtà è una vecchia conoscenza di splinder. Quando scrivo qualcosa, capisce esattamente cosa intendo, compresi i sottintesi. Se in un mio post scrivo 10 concetti, lui sa che uno è importante, gli altri sono stupidaggini e commenta quello giusto. E dice anche una cosa perfettamente utile a cui non avevo mai pensato. E’ una brava persona, secondo me. Come Giap, nei momenti di difficoltà, sentire la sua opinione aiuta.

Vincent Freeman – Vita Maniacale, senza offesa per nessuno, lui è il migliore di tutti a scrivere. Scrive recensioni di film e anche le storie di Vincent Freeman con i suoi personaggi: Elisewin, la signora Zimmerman e via così. Le seguo da un bel po’. Non so perchè, se penso a un’immagine, mi viene in mente Peter Pan e la fila di bambini che si trascina nell’aria volando. La causa mi è ignota (forse scrisse qualcosa del genere anni fa), visto che i contenuti sono tutt’altro. Sarà un fatto di stile. Tipo che lui scrive una cosa e l’immagine nella mia testa è simile all’illustrazione di una fiaba. E’ come se ci fosse un adulto che si ricorda molto bene com’era da bambino e scrivesse ancora così per comunicare con lui (il bambino, intendo).

La Sedia 2.0: la signorina mi fa pensare a De Andrè o comunque alla qualità peculiare dello stile ligure. Quel misto di scazzo, rassegnazione ed esilarante sarcasmo. E’ difficile essere intelligenti ed acuti così. Ogni tanto la invidio, ma in senso buono 🙂 Tra l’altro se cominciate a sparare cagate, lei può andare avanti all’infinito, cioè si potrebbe non smettere mai. Un po’ rido, un po’ mi commuovo, alle volte mi intristisco un po’.

E infine, giustamente, Wolkerina: ma non perchè lei ha premiato me, bensì penso che tutti dovrebbero leggere quello che scrive lei. E’ istruttivo e terapeutico non solo per persone che condividono la sua malattia, ma anche per coloro che vivono una vita tranquilla e amano lamentarsi delle stupidaggini. Ogni giorno del suo blog è la città nuova lungo il percorso di una persona che ha reso la sua sventura una strada per evolversi, diventare più consapevole, più equilibrata. Una persona che non è solo la sua malattia, ma anche una mamma, una figlia, una moglie, una donna, una lettrice, un’ascoltatrice di musica, una persona impegnata. E che in tutto questo, in cui sarebbe legittimata a vivere all’apice del proprio egoismo, riesce ad essere dolce, ad avere qualche senso di colpa verso gli altri, ad avere pensieri gentili, anche per una come me, che per lei sono solo un mucchietto di pixel. C’è un sacco di vita in quel che scrive. Spero con tutto il cuore che le vada tutto bene.

— . — . — . — (Righetta e puntino)

Difficile scrivere di me qualcosa che non ho già scritto. Al limite c’è qualcosa di cui vergogno o che ritengo tanto prezioso da tenermelo per me. Spiace 🙂 Chi legge il mio blog sa di me molto più di quanto normalmente sappiano i miei amici, mi pare già abbastanza 🙂

Annunci

20 pensieri su “Liebster Blog

  1. Ma mizzega, nath, e ora che faccio?
    Colpita e affondata.
    Stanotte parto per la feria.
    Ma quando torno vedi: attacco la kamciakka e ti faccio fuori tutta l’armata.

    :’)

  2. ciko ha detto:

    Ti giuro che appena accendo il pc scrivo qualcosa d’appropriato e non una delle solite cazzate mie (almeno spero), sono così emozionato che azzecco le virgole meno del solito… Grazie tvb (ma non me lo merito)

    Firmato ckf aka ciko

  3. Pensieri a caso dopo aver letto:
    – madonna
    – sarà giusto pavoneggiarsi un po’ col commento di Natalie?
    – non trovo una parola diversa da grazie.
    – ci vorrebbe un Thesaurus delle sensazioni
    – cazzo, è una sensazione difficile da descrivere il momento in cui si vedono comprese cose che si pensavano incomprensibili.
    – glielo dico che se vita maniacale resta aperto nonostante i due lettori al mese, è anche perchè so che uno dei due lettori è lei?
    – mi piacerebbe che disegnasse l’immagine nella sua testa
    – a volte sono incredibilmente felice per cose che la gente intorno a me considera cose da poco
    – non ho mai vinto niente, e anche stavolta non ho vinto niente, ma mi sento come se avessi vinto qualcosa
    – scriverei un libro solo per vedere la striscia di carta colorata con sopra il commento di Natalie
    – continuo a non trovare una parola diversa da grazie
    – madonna

    • Risposta punto per punto:

      – Amen
      – Ovviamente sì. Specie se con l’immagine di Natalie Finch e Augusten dopo che hanno sfondato il soffitto.
      – Personalmente associando gli eventi a film, canzoni, libri ecc (la cosiddetta atmosfera) mi rimangono più impressi e mi saltano in mente quando meno me lo aspetto, così aggiungo anche l’effetto sorpresa.
      – Vorrei rispondere anche su questo, ma poi sembra che me la tiro. Ti dico soltanto che un bambino riconosce sempre un altro bambino, quando lo vede 🙂
      – Aw. Che dolce, mi sono commossa… sono sicura che sono più di due!
      – Non so disegnare! I bambini mi chiedono aiuto per i disegni e poi mi prendono in giro perchè li peggioro!
      – Capita anche me 🙂
      – 🙂 Bene!
      – Devi scrivere un libro perchè sei bravo. Ma quando dico devi, insisto sul fatto che devi.
      – Non è necessario.
      – Amen

  4. Perso in un motel al confine tra New Mexico e Colorado ti lascio il mio pensierino prima che tu ti svegli.
    Ti ringrazio, per il premio certo , ma sopratutto perchè questi strani affetti di pixel e tasti sono così inspiegabili e fragili che leggerli così , chiari e netti saltare dal video, sono un gran bel vedere.
    PS IL mio è solo preveggente egoismo per quando, perso nei meandri della decadenza senile , avrò bisogno di aiuto da menti più fresche come la tua.
    Un bacio ziesco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...